Ottobre 2015 - Giardino di casa Biasi

Vai ai contenuti

Menu principale:

Diario del giardino > 2015

Ottobre 2015


Abbiamo avuto un bel mese di ottobre, tale da far invidia alle"ottobrate romane";  il maltempo, che ha provocato inondazioni e disastri in tante regioni, per fortuna ci ha risparmiato. Qualche giorno di pioggia, un po' di freddo alla sera ed al mattino ma sole e caldo nelle ore centrali.
Ancora abbiamo avuto visitatori ed a questo proposito devo assolutamente ringraziare quanti hanno voluto scrivere recensioni positive sul nostro giardino. Grazie davvero. Non dovrei dirlo ma a tal proposito è come se ricevessimo complimenti per un figlio, al quale noi possiamo trovare difetti mentre ci giungono graditi gli elogi degli altri; il giardino infatti è un po' il fratello di Claudia ed Andrea.
In questo mese, dal 17 al 31 ottobre, si è tenuta a Caprino, in alcune sale dello spledido palazzo Zuccalmaglio, che meriterebbe di essere restaurato in toto e meno deturpato da insegne di attività commerciali,  una bellissima mostra fotografica organizzata dalla Fondazione " ex macello bene comune": 5 fotografi hanno interpretato, colto particolari, idealizzato 5 realtà diverse (architettoniche, paesaggistiche) tutte legate tra loro dalla presenza di un recinto che, come scrive Daniela Zumiani, nella parte del catalogo da lei curata : " elemento fondativo del paesaggio, il recinto condensa nella sua matericità il pensiero organizzativo dello spazio: è linea continua e conclusa, posta a distinguere un dentro da un fuori"....." Ed è proprio il giardino, nella storia della civiltà d'occidente, il luogo deputato a sublimare il rapporto cultura natura, rendendo accettabile, attraverso la bellezza delle metamorfosi stagionali, la morte, in quanto necessaria manifestazione del ciclo vitale."
Ci ha fatto molto piacere aver contribuito con il nostro giardino a tale evento.
Un grazie particolare al "nostro fotografo" Gilberto Caurla che ha saputo catturare  e rendere palpabile la bellezza della natura addomesticata dalla mano dell'uomo.
Cecilia

 
                               Pesina di Caprino Veronese
Torna ai contenuti | Torna al menu